Inter, fuori squadra Cruz e Adriano è il Mourinho "sergente di ferro"

Andare in basso

Inter, fuori squadra Cruz e Adriano è il Mourinho "sergente di ferro" Empty Inter, fuori squadra Cruz e Adriano è il Mourinho "sergente di ferro"

Messaggio Da Silvietta il Mer Ott 29, 2008 6:54 pm

Non vanno a Firenze. L'argentino paga l'indisciplina tattica
contro il Genoa, il brasiliano per una notte in discoteca

Inter, fuori squadra Cruz e Adriano
E' il Mourinho "sergente di ferro"


Il portoghese mostra il pugno duro: "Mi sto italianizzando"
di FABRIZIO BOCCA

Inter, fuori squadra Cruz e Adriano è il Mourinho "sergente di ferro" Reut_14227500_41460

SIAMO già al Mourinho fase 3. La fase 2, a cavallo tra Roma-Inter e la Champions League è passata via velocemente. Sembrava addolcito Mister Speciale. Basta scontri feroci - fase 1 - con i colleghi (Ranieri o Beretta-Barnetta), basta polemiche sul suo stratosferico ingaggio ("guadagno 14 milioni di euro l'anno io!"). Ma il vero Mourinho è questo, un duro. E che si compiace di esserlo. Dice di proteggere i giocatori, di non criticarli mai per una partita sbagliata, di diventare addirittura antipatico pur di difenderli. Sembrava aver costruito un gruppo unito, poi però all'improvviso spunta il "sergente di ferro". Sorpresa, nel coach più famoso e alla moda puoi trovare un po' di Bersellini o Mazzone.

Fuori squadra Cruz e Adriano per la partita di Firenze. Mourinho lo aveva promesso da domenica - "vedrete i convocati per mercoledì" - quasi litigando in diretta tv con Balotelli, Cruz e Obinna. Poi Adriano ci ha messo dentro un suo classico: nottata in bianco in discoteca dopo la partita, cinque ragazze e acqua minerale. Niente alcol o champagne, pare (è vero, il brasiliano ha fatto progressi...). E pure un piccolo ritardo all'allenamento. Ecco, la decisione nei confronti di Adriano è la più comprensibile. Per uno come Mourinho, inevitabile, matematica. Anche Mancini, lo scorso anno, del resto era giunto a rispedire Adriano in Brasile per i suoi comportamenti non da professionista.

Stupisce molto però, pur essendo stata anticipata dall'allenatore, la decisione tecnica. Domenica Mourinho si è infuriato con Balotelli e Obinna, poi perdonati, perché non giocavano abbastanza larghi e perché Cruz non rimaneva alle spalle di Ibrahimovic. E così paga pesantemente l'argentino, disciplinato soldato nerazzurro. "Empatia con la squadra non significa darsi baci" ha spiegato il tecnico. Cattivo, no?

La sensazione è che il non essere riusciti a battere il Genoa in 10 abbia incrinato un po' il muro di granito di Mourinho. Il gioco non è il massimo e i punti sono 3 meno dello scorso anno: indelicato ricordarlo, ma è così. Ha voluto dare l'esempio, cosa che si pensava lui non avesse bisogno. Ma nel campionato italiano anche uno come Mou deve navigare a vista. Ha voluto dare l'esempio. E del resto lo ha detto lui stesso: "Mi sto italianizzando..."

(28 ottobre 2008)

http://www.repubblica.it/2008/10/sezioni/sport/calcio/serie_a/mourinho-sgrida-i-suoi/convocazioni-inter/convocazioni-inter.html
Silvietta
Silvietta

Numero di messaggi : 122
Età : 29
Data d'iscrizione : 10.10.08

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum